Onorevoli senza onore

iRob e io pago (iPay).

L’onorevole Arifinto, parlamentare indonesiano tra i maggiori sostenitori di una severissima legge contro la pornografia approvata nel 2008, è stato beccato e immortalato mentre guardava un video porno con il proprio tablet in parlamento, nel quale si trovava, teoricamente, per seguirne i lavori.
Nella conferenza stampa convocata subito dopo la pubblicazione delle foto, “l’onorevole” si
è giustificato spiegando di aver seguito un link arrivatogli via email, ignorando che lo avrebbe condotto ad un sito pornografico, anche se una volta connesso con la pagina web sarebbe rimasto ugualmente qualche minuto a guardarne il contenuto.
Nonostante il portavoce della polizia abbia espresso cautela nei confronti dell’arresto di Arifinto, dichiarando di dover star attenti e accertarsi che nessuna legge sulla privacy sia stata violata,
il parlamentare si è immediatamente dimesso chiedendo scusa ai propri elettori.

Se Arifinto avesse davvero seguito solamente un link non sarebbe perseguibile dalla legge indonesiana, che punisce esclusivamente chi conserva il materiale proibito sui propri dispositivi, ma il parlamentare ha dichiarato di essersi dimesso per salvare l’onore del partito.

Nonostante tutto è inevitabile fare un paragone, specialmente se in gioco ci sono paesi che con presunzione definiamo del “terzo mondo”, con l’Italia, il paese della cultura, esportatore di democrazia, sede del 70% del patrimonio artistico mondiale.
Nella patria di Leonardo Da Vinci i politici, quando va bene,
il tablet lo usano per giocare, come “l’onorevole” Roberto Menia (fli) che, accortosi di essere stato scoperto dai fotografi, si nasconde con l’iPad fa le mani. Quando va bene, perché alcuni deputati, durante le sessioni alla camera, il tablet (sul quale è lecito chiedersi chi lo paghi, anche se prevedibile) lo usano per contattare siti con annunci di escort (parola in neo-lingua con il significato di “prostituta”). È quello che ha fatto il parlamentare barese del pdl, Simeone di Cagno Abbrescia, martedì 26 gennaio che, nella discussione sulla mozione di sfiducia al ministro Sandro Bondi (quello che fa crollare le opere d’arte nel proprio paese del quale ne è ministro della cultura), “in un momento di stanca del dibattito”, è stato intrattenuto dagli annunci di ragazze a pagamento: Dollyy, giovanissima che propone di “accompagnare le tue serate per una cena, un intrigante dopocena o un appassionato weekend”. Costo: 450 euro per tre ore. Daisy, 39 anni, “disponibile esclusivamente per incontri di classe con distinte persone (“distinte” probabilmente utilizzato nel senso di “differenti, varie”, ndr)”. I prezzi: “cena e dopo cena 700 euro; overnight (ossia tutta la notte, ndr) 1200 euro; weekend 2500 euro. Mezz’ora, 200 euro; un’ora 400”.
Chiaramente il parlamentare, in pieno possesso dei suoi poteri, ha utilizzato la classica tecnica dello
scaricabarile” giustificandosi: «In certi momenti bisogna stare in aula anche se il dibattito non è avvincente. Di solito uso l’iPad per informarmi, leggere le agenzie. Ma può capitare di soffermarmi su una di quelle immagini diciamo porno che ogni tanto compaiono [sic]. Ora tutti fanno i casti, ma c’è di gente che le escort le frequenta, non le guarda su internet. E le vicende del Rubygate hanno incuriosito tutti, è inutile negarlo».
Quando parla di “gente che le escort le frequenta” evidentemente sta parlando del capo e presidente del suo gruppo politico, il pdl, e attuale presidente del consiglio italiano.
Da notare anche i virtuosismi neo-lingua orwelliana nell’utilizzo di parole e frasi come “può capitare”,
soffermarmi”, “una di quelle immagini”, “diciamo”, “compaiono”, “escort”, “incuriosito”.

Nel settembre 2010 il ministro australiano per i porti e i corsi d’acqua del Nuovo Galles del sud, Paul McLeay, fu beccato a guardare un film porno sul pc del parlamento. Si dimise dichiarando: «Sono umiliato. È stato un errore ma mi rendo conto che la comunità si aspetta standard più alti».

In tutto il mondo si aspettano standard più alti. Qui si vede che no.

Advertisements

About startmakingasense

Fughe della Realtà - Notizie e Informazioni sul lato oscuro di: politica, economia, ecologia, esoterimo, medicina e tecnologia. Blog di Informazione attiva: segnalaci cio' che non viene detto.
This entry was posted in Politica and tagged , , , , . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s